Open Site Navigation
Zaffiro

Zaffiro

Appartiene alla famiglia dei corindoni, reso speciale da quel blu molto intenso che può cambiare la tonalità a seconda della tipologia di gemma: i più noti al mondo sono gli zaffiri del Kashmir, con una tinta che ricorda molto il fiordaliso. Gemma di eccezionale bellezza e lucentezza. Si estrae dai giacimenti in Birmania, Sri Lanka, India e Cambogia.

Suggerimenti:

Uno zaffiro di qualità non deve esser né blu notte né troppo chiaro, ma deve essere intenso e lucente.

Consiglio per l’acquisto:

Il valore di zaffiri di qualità, non trattati, è molto alto, perché si tratta di gemme rare.

Spinello

Spinello

Così come la tormalina, è una gemma che si presenta in molteplici varianti di colore.

Si tratta di una pietra poco comune, ma piuttosto pregiata, molto apprezzata per la sua vivace brillantezza. In passato è stata spesso confusa con il rubino e con lo zaffiro, perché si trova negli stessi giacimenti, ovvero nei depositi alluvionali in Sri Lanka, Birmania, Tanzania, Madagascar, Brasile e Nigeria. Si tratta di una pietra ampiamente utilizzata in gioielleria.

Suggerimenti:

La tonalità rossa dello spinello è il colore più ambito.

Consiglio per l’acquisto:

Circolano molti esemplari sintetici, meglio richiedere un certificato che ne attesti la naturalezza.

Kunzite

Kunzite

Scoperta all’inizio del ‘900, questa gemma deve il suo nome al gemmologo G. F. Kunz.

Si tratta di una varietà di spodumene e la sua ricchezza di rosa è dovuta alla concentrazione di manganese. I giacimenti si trovano in Afghanistan, Pakistan, Brasile e Madagascar. Non è una pietra particolarmente pregiata, ma affascinante per la sua tonalità di rosa.

Suggerimenti:

Le varietà di rosa porpora intensa sono quelle più pregiate.

Consiglio per l’acquisto:

Non trattandosi di una gemma costosa, si consiglia di acquistarla di elevata caratura.

Tormalina Paraiba

Tormalina Paraiba

E’ una delle pietre più costose che ci siano in commercio. Può avere un colore dalle sfumature verdi oppure azzurre. La scarsa produzione delle miniere brasiliane di San José da Batalha l’ha resa una delle gemme più rare.
Le pietre che si possono trovare ancora in Brasile hanno un peso inferiore a dieci carati, a differenza di quelle africane (Mozambico), scoperte da poco, che hanno un colore simile e che raggiungono carature superiori.

Suggerimenti:
Le gemme di Paraiba che provengono dal Brasile si distinguono per l’elevato contenuto di rame al loro interno che dona loro una fluorescenza e una bellezza uniche.

Consigli per l’acquisto:
Vale la pena investire anche in pietre di caratura limitata, in quanto gemma sempre più rara e ricercata.

Tormalina

Tormalina

Alla famiglia della tormalina appartengono circa venti tipi di colori. Il Brasile è la principale fonte mineraria per queste pietre. Si tratta di pietre che stanno aumentando di valore in modo costante.
Per citare solo le più importanti: tormalina rubelite, tormalina verde, tormalina indicolite e tormalina bicolore.

Suggerimenti:
Le belle tormaline verdi hanno una tonalità chiara; le rubelliti contengono comunque delle inclusioni e le più belle raggiungono un rosso fuxia; la tormalina indecolite, invece, deve essere scura, di un blu petrolio.

Consigli per l’acquisto:
Vale la pena comperare gemme di elevata caratura, data la rarità di cristalli grandi.

Topazio Imperiale

Topazio Imperiale

In difesa di questa gemma bisognerebbe aprire un capitolo a parte. Per anni, il topazio imperiale ha ingiustamente patito l’accostamento con il quarzo citrino, definito in modo erroneo topazio giallo. Tutte le pietre gialle o arancioni appartenenti alla famiglia dei quarzi sono state, in questo modo, confuse con il vero topazio imperiale. Ancora oggi si tende a fare lo stesso errore.
L’incredibile lucentezza che contraddistingue il topazio è una delle ragioni del suo prezzo elevato e della sua rarità.

Suggerimenti:
Il colore dell’imperiale va dal giallo all’arancio, fino al rarissimo rosa.
Osservate bene che le gemme siano prive di inclusioni.

Consigli per l’acquisto:
È un ottimo investimento, soprattutto se di colore arancione intenso o rosa.

Berillo

Berillo

Quella del berillo è una famiglia gemmologica che comprende l’acquamarina, lo smeraldo, la morganite, l’eliodoro e il berillo verde.
In commercio l’eliodoro e il berillo verde sono poco usate e poco conosciute, anche perché le miniere ne producono in scarsa quantità.

Suggerimenti:
Più i toni dei suoi colori sono intensi, più la pietra è di qualità. Davvero originali i pezzi creati con questa gemma da designer e gioiellieri contemporanei.

Consiglio per l’acquisto:
Quando è di buona qualità, vale la pena acquistarlo.

Tanzanite

Tanzanite

Come dice il nome, questa bellissima gemma blu proviene dalla Tanzania. È stata scoperta soltanto nel 1967, alle pendici del Kilimanjaro.
La tanzanite appartiene alla famiglia della zoisite, si tratta di una pietra poco conosciuta e usata principalmente  nell’alta gioielleria.

Suggerimenti:
Osservare sempre l’altezza della pietra, che spesso incide inutilmente sul prezzo. Le tanzaniti più belle sono di un blu intenso.

Consigli per l’acquisto:
Vista la rarità della pietra, è sempre un ottimo acquisto.

Opale

Opale

I giacimenti scoperti in Etiopia hanno riacceso l’interesse per questa gemma nel mondo della gioielleria internazionale. Tutti i grandi nomi, da Cartier a Van Cleef, hanno incluso nelle loro collezioni l’opale e la sua inimitabile iridescenza (arlecchinamento).

Dall’Australia proviene l’opale nero, mentre in Brasile si estrae l’opale “cipria“ dalle tinte tenui, il Messico è noto per i suoi opali di fuoco.

Suggerimenti:
L’alta percentuale di acqua al suo interno la rende porosa e, quindi, sensibile al contatto con alcol, profumi e creme.

Consigli per l’acquisto:
Quando le gemme di opale hanno un colore marrone bruciato sono sicuramente state trattate.

Morganite

Morganite

I cristalli di berillo rosa (morganite) si  sviluppano insieme all’acqua marina.
Talvolta si può anche trovare in natura la crescita di un cristallo bicolore, con una terminazione rosa e l’altra blu.
Le pietre color rosa limpido, quelle più adatte  al taglio, provengono dalla miniere negli Stati di Minas Gerais o di Espirito Santo.

Suggerimenti:
La morganite ha una luce molto bella che riflette il bianco e il rosa come solo questa gemma sa fare. Le tonalità più pregiate sono rosa intenso o salmone.

Consigli per l’acquisto:
È una pietra poco comune, ma molto apprezzata dai gemmologi. Da comprare. 

Alessandrite

Alessandrite

Appartiene alla famiglia gemmologica del crisoberillo e cambia colore, se esposta a differenti fonti di luce. Nelle gemme più rare il colore varia dal verde, alla luce del giorno, fino al rosso porpora nella luce incandescente. Questa proprietà detta color-change è un’eccezionalità in gemmologia. Scoperta in Russia nel 1830, deve il suo nome allo Zar Alessandro II. Oggi i giacimenti russi sono ormai esauriti, la si può trovare in Brasile, Tanzania e in Sri Lanka.

Suggerimenti:
Pietra notevolmente apprezzata per il cambio di colore, da verificare sempre sotto due fonti differenti di luce.

Consiglio per l’acquisto:
Si tratta di una delle gemme più rare al mondo.

Granato

Granato 

La tzavorite prende il nome dal parco al confine fra Kenya e Tanzania, dove è stata scoperta nel 1967, e dove si trovano le sole miniere conosciute.

Questa varietà di granato può andare dal colore verde pallido fino alla varietà più pregiata, di un verde molto intenso.

Il granato mandarino, invece, viene dalle miniere della Tanzania, che hanno sempre prodotto pochissimi esemplari, solitamente di grosse dimensioni. Il suo colore è inconfondibile e il nome non ha bisogno di spiegazioni.

Suggerimenti:

Pietre da investimento, destinate negli anni a raggiungere cifre notevoli.

Consiglio per l’acquisto:

Gemme pregiate e rare da mettere in collezione.

Acquamarina

Acquamarina

Le nostre gemme provengono perlopiù dalla miniera brasiliana di Nova Era, nello Stato di Minas Gerais, conosciuta per l’alta qualità delle pietre estratte.
L’acqua marina, nella scala Mohs arriva a una durezza 7 (il diamante è 10) e ciò permette una grande duttilità nel montaggio.

Suggerimenti:
Più il colore dell’acqua marina si avvicina al blu scuro più la pietra è pregiata.

 

Consiglio per l’acquisto:
Negli ultimi quindici anni il valore di questa pietra ha subito un notevole aumento. Decisamente ottimo l’acquisto per investimento.

SEMPRE PIÙ PREZIOSE…

La vecchia distinzione fra pietre preziose (diamante, rubino, zaffiro e smeraldo) e pietre semi preziose (chiamate genericamente pietre di colore) è ormai superata. Anzi, per l’American Gem Trade Association è addirittura scorretto definire una gemma semi preziosa; è così raro estrarre da una miniera dei cristalli adatti ad essere usati in gioielleria che questi, una volta tagliati, diventano per definizione preziosi. Esistono sul mercato gemme di tormalina Paraiba, di alessandrite, di granato tzavorite, di topazio rosa così rare da poter essere definite decisamente preziose.

Scopri la gemma dell'anno

Tormalina